PASQUA IN FAMIGLIA ALL’ISOLA D’ELBA

38

Nel periodo di Pasqua, l’Isola d’Elba “apre per ferie” a tutte le famiglie. Sull’Isola è possibile visitare le miniere, esplorare le dune sabbiose, avventurarsi in barca a vela alla ricerca delle balene, fare trekking a dorso d’asino, passeggiare nel bosco alla scoperta delle favole, gareggiare nell’iron tour cross, uno dei pochissimi triathlon a tappe cross del mondo. E poi, naturalmente, rilassarsi davanti al mare.

Alcune esperienze messe nel paniere di Pasqua e qui sopra annunciate non si possono perdere se al seguito del gruppo ci sono dei bambini. La prima è la DISCESA NELLE MINIERE. La Miniera di magnetite del Ginevro è il giacimento più grande d’Europa ed è considerata una riserva strategica di ferro dallo Stato italiano, tanto da essere tutt’ora tutelata per la sua importanza. Muniti di caschetto e di spirito d’avventura, grazie all’aiuto delle guide, è possibile scendere “nella pancia dell’isola” immergendosi in una visita esperienziale. Come vivevano i minatori? Quali abitudini permeavano la piccola comunità dedicata agli scavi? Cosa voleva dire lavorare sottoterra? La visita risponde a queste e altre domande, in un percorso articolato lungo i cunicoli e gli spazi comuni della miniera, in cui si ha più di una volta la sensazione di vedere l’attività ancora in corso, anche grazie alla presenza di strumentazioni lasciate in loco subito dopo la chiusura negli anni ‘80. Sono previsti due percorsi: quota +6 pianeggiante e adatto a tutti, anche ai più piccoli, o quota -24, che prevede la discesa di 220 scalini (minimo 12 anni).

Un’altra esperienza è la SOMARERIA, che consiste nell’andare alla scoperta dell’isola toscana in compagnia dei somarelli. Un modo diverso di fare trekking a contatto con animali docili e mansueti. L’ itinerario è studiato per far conoscere il territorio elbano sia dal punto di vista naturalistico, che storico. Un viaggio nel tempo tra tradizioni e cultura rurale, completato dalla visita al Museo della civiltà contadina. Le escursioni, per luoghi percorsi e temi trattati, sono adatte a chiunque: adulti e bambini di tutte le età.

Infine, a MARINA DI CAMPO c’è l’Acquario dell’Elba, una realtà considerata unica per la varietà di specie mediterranee ospitate e perché offre ai visitatori una vista panoramica sull’incredibile biodiversità delle acque dell’Isola e dell’Arcipelago. Oltre 250mila litri d’acqua distribuiti in 87 vasche, in un’alternanza di forme e dimensioni, allestite cercando di riprodurre il più fedelmente possibile gli habitat tipici dei diversi organismi. Tra le molte attrattive la grande tartaruga Charlie (testimonial dell’attività di salvaguardia ambientale che dal 1993 l’Acquario svolge in difesa di specie protette), le vasche tropicali degli squali e dei piranhas e anche un piccolo Museo Faunistico dedicato alla fauna terrestre dell’Isola.