PROFESSIONE LOBBISTA. PORTATORI D’INTERESSI O FACCENDIERI?

456

cozzi_lobby_cover1

Uscirà a giorni in libreria “Professione lobbista. Portatori d’interessi o faccendieri?” edito da Lupetti, editori di comunicazione. L’avvincente saggio nasce dalla penna del nostro collaboratore Pier Giorgio Cozzi, firma familiare ai lettori di 5W.

In questo libro (controcorrente, come non di rado capita d’essere all’Autore) si sostiene la tesi che in un contesto pluralista, in quanto legittima trasparente rappresentanza di interessi di aziende, associazioni, enti o gruppi presso le istituzioni centrali e periferiche (Stato e regioni), in luogo della accezione negativa comunemente accettata, la lobby sia l’alternativa democratica al malcostume e alla corruzione dilaganti: è avvincente scoprirne le motivazioni accompagnati nella lettura dalla consueta “verve” espressiva di Cozzi.

Prefato da Beppe Facchetti, presidente di Assorel e con una postfazione di Gianluca Sgueo, docente di ‘Democracy Innovation’ all’Università di Coimbra, il testo diviso in quattro parti passa in rassegna il lobbismo com’è regolamentato nel mondo occidentale; illustra articolatamente le tecniche per fare lobby; prende in considerazione il “caso Italia” dove giacciono in Parlamento oltre cinquanta proposte di legge per regolamentare l’attività di lobby e lobbisti, le leggi anticorruzione e gli eventi collegati a questo fenomeno.

Aggiungono interesse del volume: la descrizione di alcuni casi italiani di lobbismo che hanno riscosso successo, i codici di comportamento delle associazioni nazionali di relazioni pubbliche e di  public affairs, le  considerazioni di Paul Seaman sull’attualità degli stakeholders e sul cambiamento in atto della loro funzione nell’impresa e nella società.

Il volume è diretto ai professionisti della comunicazione e ai giovani che studiano per divenirlo, ma l’argomento trattato è di sicuro interesse anche per un pubblico più ampio, quello dei cittadini che vogliano documentarsi su uno strumento, il lobbying, che concorre a gestire la res publica secondo principi di buon governo. Soprattutto, democraticamente.

 

Pier Giorgio Cozzi – Professione lobbista. Portatori d’interessi o faccendieri? Lupetti, gennaio 2014, pagg. 264, euro 16,00

Articolo precedenteLE “IMPALPABILI ATMOSFERE” DI PIERGIUSEPPE ANSELMO
Articolo successivoRIFLESSIONI INTORNO AL CARNEVALE DI VIAREGGIO