AMAZZONI E CAVALIERI A RIOLO TERME

513

Amazzoni - panorama

Per tutti gli amanti del cavallo il 17 e 18 maggio 2014 si svolgerà a Riolo Terme (Ra) l’equiraduno nazionale delle Amazzoni e dei Cavalieri. L’evento prenderà vita fra le bellezze dell’Appennino emiliano-romagnolo, tra dolci colline, torrenti, boschi, rocche e castelli che caratterizzano il comprensorio turistico delle “Terre di Faenza”: un paradiso per gli amanti dell’ippoturismo.

Gli itinerari che condurranno le Amazzoni  e i Cavalieri alla scoperta di questo spicchio di Romagna sono un attento mix di natura, cultura ed enogastronomia, unendo molteplici interessanti aspetti all’insegna di un turismo eco-compatibile e responsabile.

Si andrà dal divertimento di una tranquilla passeggiata in campagna alla scoperta di fenomeni geologici inconsueti (come quelli che si possono trovare nel Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola e i Calanchi di Argilla Azzurra che costellano il morbido profilo collinare di elementi insoliti) all’attraversamento di suggestivi borghi ai percorsi della Corolla delle Ginestre: itinerari praticabili, oltre che a cavallo, anche a piedi e in mountain bike, che permettono di cogliere appieno la ricchezza dell’ambiente di questo spicchio di Romagna. I percorsi segnalati della Corolla (circa 55 Km a piedi, circa 70 Km a cavallo e in mountain bike) sono praticabili interamente o per parti, in una o più giornate, usufruendo dei servizi forniti dalle strutture ricettive poste lungo il percorso.

Il tutto, ovviamente, senza trascurare la degustazione di prodotti tipici come il pregiato olio d’oliva di Brisighella e gli apprezzatissimi vini DOC, ma anche le conserve, la frutta, i dolci caserecci, i prelibati primi piatti (tagliatelle, cappelletti, strozzapreti), le erbe aromatiche e lo Scalogno di Romagna IGP, che attenderanno le Amazzoni e i Cavalieri lungo le diverse tappe del percorso.

 

Informazioni e programma dettagliato http://www.ippoverde.it/

Articolo precedente“IOLAVORO” AL PALARED DI PINEROLO
Articolo successivoNON BUTTIAMOCI GIU’