TARTUFO BIANCO D’ALBA IN MOSTRA

390

Sarà una fiera «green» quella del 2016, attenta alla sostenibilità, al paesaggio, alla tutela e alla salvaguardia dei luoghi naturali dove, in un’alchimia ancora segreta, ogni autunno si rinnova la magia del Tartufo Bianco d’Alba.

Dall’8 ottobre al 27 novembre, nella cittadina piemontese, si svolge l’86 Fiera Internazionale dedicata al Tartufo Bianco d’Alba, inserita quest’anno dal MIPAAF, Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, tra le dodici principali manifestazioni nazionali. Un’edizione ricca di novità, a partire dal simbolo scelto per rappresentare la manifestazione, l’Albero, icona della simbiosi tra natura e tartufo, ma anche richiamo a un impegno ambientale verso il contesto naturale in cui l’uomo vive e da cui riceve i frutti del suo sostentamento. Tra le novità assolute dell’evento di quest’anno è la prima campagna di crowdfunding dedicata a raccogliere risorse per la tutela delle tartufaie naturali. Un’iniziativa che coincide con la presentazione all’Unesco della candidatura del Tartufo Bianco d’Alba a Patrimonio Immateriale dell’Umanità. L’edizione 2016 sarà anche caratterizzata da grandi eventi culturali e artistici, come il lancio di un workshop di idee per la creazione di un «Kit per il Tartufo Bianco d’Alba» che, per due anni, impegnerà archistar e designer di fama internazionale nella creazione di un innovativo tagliatartufi. Tra le grandi mostre spiccano FUTURBALLA, dedicata all’opera del futurista Giacomo Balla, la personale di Francesco Clemente, l’antologica sul pittore Mario Lattes e Regine & Re di cuochi, la prima mostra dedicata alla cucina italiana d’autore. Come sempre, grande spazio sarà riservato al Tartufo Bianco d’Alba all’interno del Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba e all’enogastronomia, in particolare attraverso i Foodies Moments presieduti da grandi chef che esalteranno le eccellenze gastronomiche del territorio. Da non perdere, infine, gli eventi folcloristici che fanno da cornice alla Fiera: l’Investitura del Podestà, il Palio degli Asini e la sfilata storica in costume, il Borgo si Rievoca, gli eventi culturali, i convegni, lo sport e la musica.

Informazioni: http://www.fieradeltartufo.org/2016/it/

Articolo precedenteMISTERIOSO DOLPO
Articolo successivoTURISMO, SOSTENIBILITA’ E FELICITA’