GLASGOW: VIVACE CITTA’ VERDE

34

Di Glasgow si è molto parlato in questo periodo: nelle scorse settimane ha infatti ospitato COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021. E’ la città più grande della Scozia, è considerata la capitale economica di questa nazione costitutiva del Regno Unito ed è la terza città britannica per numero di turisti stranieri, dopo Londra ed Edimburgo, grazie alla sua vivace scena culturale.

A Glasgow ha sede la quarta Università più antica della Gran Bretagna, fondata nel 1451 e nota agli appassionati di architettura per i suoi suggestivi chiostri. Inoltre, la città ospita la celebre School of Art, fondata nel 1845, unanimemente riconosciuta come una delle migliori scuole universitarie d’arte e di design d’Europa. L’istituzione ha sede in uno dei più famosi edifici della città, considerato uno dei capolavori dell’architetto Charles Rennie Mackintosh, che si distingue per il suo arco di ferro in stile Art Nouveau, le linee morbide e l’insolito arredamento.

Il nome di questa città deriva dal gaelico e significa “caro posto verde”. Un toponimo molto centrato, dal momento che la città è sede di oltre 90 parchi e giardini, tra i quali il Glasgow Green e il Kelvingrove Park.

Quest’ultimo è un parco pubblico di 34 ettari, tipico dell’epoca vittoriana, situato nella zona nord-occidentale della città, sulle rive del fiume Kelvin poco prima che confluisca nel Clyde, il più importante corso d’acqua scozzese. Al suo interno si trova il Kelvingrove Art Gallery and Museum. Le collezioni Kelvingrove sono di ampio respiro e significative a livello internazionale. Includono storia naturale, armi, armature e arte (che rappresenta un ventaglio di movimenti artistici e periodi storici).  Il dipinto più famoso in mostra a Kelvingrove è il capolavoro di Salvador Dalì “Cristo di San Giovanni della Croce”.

Sulle rive del Clyde è possibile visitare un’altra particolare rassegna: il premiato museo dei trasporti di Glasgow, il Riverside Museum. All’interno di un futuristico edificio dal tetto a pinnacoli, disegnato da Zaha Hadid , sono in mostra oltre 3.000 oggetti: dagli skateboard alle locomotive, dai dipinti alle carrozzine e alle auto fino a uno Stormtrooper.

Un viaggio a Glasgow non può prescindere da una visita ai Giardini Botanici della città. Si trovano nel cuore del West End della città, vicino al fiume Kelvin, e contengono una varietà di collezioni di piante e boschi cedui, nonché il famoso Kibble Palace, una magnifica serra progettata da John Kibble che ospita la collezione nazionale di felci arboree.

Ma forse una delle cose più divertenti da fare a Glasgow è quella di rivolgere semplicemente lo sguardo verso l’alto e rifarsi gli occhi con quel mix di stili architettonici che colpisce chi girovaga per le sue strade.