ADOTTA UNA SCRITTRICE

Di: Elisabetta Fea

L’Università di Torino partecipa, quest’anno al percorso didattico del Salone del libro “Adotta uno scrittore” che consente agli studenti di approfondire e analizzare la scrittura di diversi autori. Il Dipartimento di Studi Umanistici ha deciso, infatti di adottare Helena Janeczek, autrice di libri quali, ad esempio,

CYBERCONDRIA

Di: Pier Giorgio Cozzi

Consultate ossessivamente internet per trovarvi conferma delle vostre (immaginarie) malattie? Allora siete cybercondriaci, secondo un neologismo creato nel 2009 da due ricercatori della Microsoft, l’azienda informatica statunitense. Veramente, la patologia originale sarebbe l’ipocondria

PASQUA A MALTA

Di: Nicole Ginori

Infreddoliti sotto gli attacchi sferzanti di Burian, possiamo consolarci programmando una scappata a Malta nel periodo di Pasqua, per assaporare il gusto di un’autentica tradizione. Malta, fortemente legata al cerimoniale cattolico, inizia a celebrare la Pasqua la Domenica delle Palme, con il culmine delle festività durante il Triduo pasquale

GUIDA ALL’ARTE NELLE STRADE DI TORINO

Di: Silvia Falomo

E’ uscita di recente la guida turistica che non c’era: la guida che accompagna il turista curioso a scoprire i volti nascosti della città di Torino. Anzi, per meglio dire, la guida utile al visitatore venuto da fuori, ma di grande interesse anche per quella gran parte di Torinesi che ignorano i tesori celati nel tessuto urbano della loro città.

LA CASA BATTLO’ DI GAUDI’

Di: Caterina Civallero ed Elisabetta Fea

Da quasi 25 anni che ci conosciamo, non eravamo mai riuscite, per un motivo o per l’altro, a vederla, pur tenendoci moltissimo. Stiamo parlando della Casa Battlò, costruita, a fine ‘800, da quel genio assoluto dell’architettura modernista che è Anton Gaudì. Definita anche la Casa del ossos (casa delle ossa) poiché ogni sua parte, ma soprattutto la facciata, ricorda

2018, ANNO DEL CIBO ITALIANO

Di: Silvia Falomo

Dopo il 2016, Anno nazionale dei cammini e il 2017, Anno nazionale dei borghi, il 2018 sarà l'Anno del cibo italiano. La posa sul podio di quest’eccellenza nostrana è stata recentemente comunicata all’unisono dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e da quello dei Beni culturali e del Turismo. Dopo Expo Milano, l’esperienza agroalimentare nazionale torna nuovamente ad essere protagonista. Oltre a sottolineare i successi economici di questo settore (che nel 2017 tocca il record di export a 40 miliardi di euro) l’iniziativa vuole funzionare da volano comunicazionale per ribadire il legame profondo che esiste tra cibo, paesaggio, identità e cultura. “Un’occasione rilevante per valorizzare e mettere a sistema le tante e straordinarie eccellenze e fare un grande investimento per l'immagine del nostro Paese nel mondo”, come sottolineato dal ministro Franceschini, che ha messo in evidenza che grazie alla collaborazione ...