VA IN SCENA IL TURISMO ENOGASTRONOMICO

309

BTGlogocompleto-02Da giovedì 23 maggio, a Monforte d’Alba in provincia di Cuneo, si svolge la BITEG, la manifestazione dedicata al turismo enogastronomico. Quest’edizione si può definire particolarmente “social”. Per la prima volta il workshop B2B, cioè l’incontro commerciale tra 200 operatori del turismo enogastronomico, sarà seguita da 4 blogger che si cimenteranno nel nuovissimo ruolo di comunicare un evento professionale al pubblico della rete, rendendolo fruibile e spiegandolo anche ai “non addetti ai lavori”. Nella veste insolita di cronisti in tempo reale dell’evento ci saranno Anna Buganè, foodblogger di Cucina Precaria; Silvia Badriotto di Nuovi Turismi e la coppia TorinoNightlife, che si possono seguire sulle loro pagine Facebook, i loro blog e su twitter con l’hastagh #biteg013. Ciò non a caso visto che il wine & food, che rappresenta il 17% della motivazione per mettersi in viaggio, trova nel web il veicolo più usato dai “turisti del gusto” per la prenotazione dei propri itinerari.

Nell’anno che vede i paesaggi vitivinicoli piemontesi candidati a diventare Patrimonio Unesco, l’evento dedicato al settore enogastronomico torna tra le colline di Langhe-Roero e Monferrato fino a domenica 26 maggio.

Ma nella pratica, che cosa succede alla BITEG? Un centinaio di operatori specializzati nella vendita di pacchetti turistici gourmand  commercializzano i loro prodotti incontrandosi ai tavoli del workshop con altrettanti compratori italiani e stranieri (provenienti da tutta Europa, dal Giappone, dalla Russia, dal Canada e dagli Stati Uniti).

I dati diffusi sul turismo enogastronomico illustrano chiaramente il buono stato di salute di questo settore.  Il comparto, secondo l’Osservatorio sul Turismo del Vino-Censis,  nel 2012 è cresciuto del 12%  (grazie in particolare ai viaggiatori stranieri) e genera un giro d’affari dai 3 ai 5 miliardi di euro, con una spesa media a viaggio enogastronomico di circa 193 euro. Malgrado la crisi.

Informazioni: www.biteg.it

 

Articolo precedenteLA MIA SVIZZERA A COLPI DI SCRITTURA
Articolo successivoA GIUGNO L’ERMITAGE DI BASILEWSKY IN MOSTRA A TORINO