“SOGNO D’ESTATE” A BRISIGHELLA

372

brisighella notte - foto Silvano CantoniBrisighella, affascinante borgo d’origine medievale dell’Appennino Tosco-Romagnolo, ben si fonde all’idea romantica del “Sogno d’Estate”. Così è denominato il Festival (che si concluderà il 15 agosto) di cui il paese ravennate è straordinario palcoscenico naturale con le sue bellezze architettoniche e naturalistiche: la suggestiva Via degli Asini (strada porticata sopraelevata, ai tre pinnacoli rocciosi su cui poggiano la Rocca Manfrediana, la Torre dell’Orologio e il Santuario del Monticino), le colline intrecciate di ulivi e i caratteristici calanchi di gesso che fan da corona al centro abitato. Il progetto artistico si snoda in una rassegna dove luoghi, arte, cultura, natura e gastronomia si intersecano perfettamente senza soluzioni di continuità,  riconoscendo all’interno suggestioni che vanno dalle fonti classiche al patrimonio popolare. Gli appuntamenti, a cadenza settimanale, si passano il testimone: concerti di musica classica, proiezioni delle migliori pellicole cinematografiche spettacoli della tradizione del teatro ragazzi italiano, mercatini di antiquariato, artigianato artistico e prodotti locali. E il sabato e la domenica, nel centro storico chiuso al traffico, si potrà cenare negli anfratti più suggestivi del borgo, accompagnati dalle note di musica diffusa.

La notte di San Lorenzo, all’interno della manifestazione nazionale “Calici sotto le Stelle”, Brisighella presenta “Calici sotto i Tre Colli: le Stelle nel Borgo”, dove l’armonia, la grande anima della musica e la passione per le migliori produzioni vinicole locali si uniscono sotto la volta celeste segnata dalle scie delle stelle cadenti.

Il sogno si concluderà ufficialmente giovedì 15 agosto con un concerto di musica classica alla pieve di S. Maria Assunta in Tiberiaco posta sulla vetta di Monte Mauro, la cima più alta del Parco della Vena del Gesso Romagnola.

 

Informazioni: www.brisighella.org

Immagine di Silvano Cantoni – Brisighella di notte

Articolo precedenteLE DOLOMITI FRIULANE VISTE DAL PARAPENDIO
Articolo successivoPROGETTO PISTA CICLABILE