AL VIA IL SALONE DEL LIBRO DI TORINO

340

logo_solone

Contraddistinta dal claim «Bene in vista», la ventisettesima edizione del Salone Internazionale del Libro andrà in scena da giovedì 8 a lunedì 12 maggio al Lingotto di Torino. Tema conduttore dell’edizione di quest’anno è, infatti,  il Bene. Il Bene nelle sue implicazioni filosofiche, etiche, storiche, letterarie e neuroscientifiche. Il concetto di “Bene comune”. La suggestione di Primo Levi del «lavoro fatto bene» per riscoprire la cura artigianale anche nella creazione e produzione editoriale.

Paese Ospite d’onore è la Santa Sede, presente nel Padiglione 3 con un grande spazio espositivo che riproduce il selciato di Piazza San Pietro e la cupola della Basilica nel progetto originario di Donato Bramante, di cui nel 2014 ricorrono i 500 anni dalla morte. Gli altri Paesi rappresentati al Salone di quest’anno sono: Albania, Arabia Saudita, Brasile, Francia, Israele, Perù, Polonia, Romania. Il testimone, in chiusura evento, passerà dalla Santa Sede alla Repubblica Federale di Germania che è presente al Salone 2014 con una delegazione della Buchmesse di Francoforte, alla quale il Ministero degli Esteri di Berlino ha affidato il compito di organizzare il padiglione tedesco del 2015 e rappresentare ufficialmente il Paese Ospite.

Con la rassegna torna l’App gratuita del Salone per smartphone e tablet, nelle versioni iOs, Android e da quest’anno anche per Windows. Novità 2014: il lettore di Qr Code integrato e i tag per scoprire nel mare magnum dove trovare l’autore cult o il personaggio top.

Dopo la Calabria che ha inaugurato il format nel 2013, Regione Ospite d’onore quest’anno è il Veneto. Le altre Regioni Italiane già confermate con un proprio spazio sono Basilicata, Calabria, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia e Umbria.
Trenta le sale e gli spazi che ospitano presentazioni, incontri, dibattiti. Nuove la Sala Bianca nel Padiglione 3, dedicata agli incontri sui temi della religione e spiritualità, l’area workshop di Casa CookBook, l’arena esperienziale dell’area start up di Book to the future, la Sala Argento nel Padiglione 2 e l’Independent corner nel Padiglione 1, padiglione degli Editori indipendenti.

Torna, infine, al Centro Congressi del Lingotto dall’8 al 10 maggio, l’Ibf – International Book Forum, l’area business del Salone dedicata allo scambio dei diritti editoriali per la traduzione: 27 Paesi rappresentati e più di 600 operatori professionali accreditati. Un focus particolare quest’anno è dedicato agli scambi fra Italia e l’immenso mercato rappresentato dalla Cina.

http://www.salonelibro.it/it/

Articolo precedenteA RITMO DI HURA IN POLINESIA NEOZELANDESE
Articolo successivo“VIAGGIANDO IL MONDO” A GENOVA