IL MAHBILIL FESTIVAL CELEBRA LA CULTURA ABORIGENA

513

 

Il Northern Territory  è un territorio federale dell’Australia, conosciuto anche come Top End. Nella regione la popolazione è per la maggior parte di discendenza europea, (Inglesi, Irlandesi e Scozzesi sopra tutti), mentre oltre un quarto degli abitanti è australiano aborigeno, in numero  di gran lunga superiore a quello presente negli altri stati dell’Australia. Numerose sono le comunità aborigene in tutto il territorio: fra queste le più grandi sono quelle degli Pitjantjatjara e degli Arrente.

Il Northern Territory, offre molte occasioni per poter entrare a contatto con la millenaria cultura aborigena: dalle visite ai siti di pittura rupestre, ai tour con guide aborigene, fino ai festival dedicati alle tradizioni indigene. Una di queste è il Mahbilil Festival in programma quest’anno il 5 settembre a Jabiru, cittadina del Top End e porta di accesso allo straordinario Kakadu National Park.

BG2

Mahbilil Festival, Jabiru. September 11 2010
Mahbilil Festival, Jabiru. September 11 2010

L’evento annuncia concerti dal vivo delle migliori band aborigene di tutta l’area e spettacoli di danze e musiche tradizionali. Non solo,  il cartellone prevede workshop di pittura con la tecnica del dot point e attività di bush tucker per riconoscere le piante locali e comprenderne l’utilizzo in cucina.

Il Festival rappresenta un’ottima occasione per esplorare il Kakadu National Park, un’immensa riserva naturale. Qui il modo migliore per ammirare la natura e gli animali selvatici è navigare, all’alba o al tramonto, sulle acque dei billabong (meandri fluviali) a bordo del Yellow Water Cruises,  per avvistare coccodrilli, bufali allo stato brado e numerose specie di uccelli. Il Kakadu ospita anche uno dei più famosi siti di arte rupestre, Ubirr, con esempi di pittura risalenti a oltre 20 mila anni fa.

Per maggiori informazioni sul Mahbilil Festival: http://mahbililfestival.com

Per ulteriori dettagli sul Parco Nazionale del Kakadu: http://www.kakadutourism.com

 

Articolo precedenteA TUTTA BIRRA IN BAVIERA
Articolo successivoSINTRA, LUOGO MAGICO SULL’OCEANO