GRAN TOUR DEL PIEMONTE – LE PROPOSTE INVERNALI

476

g_020E’ incentrato su due temi conduttori il ciclo invernale degli itinerari del Gran Tour del Piemonte che, inaugurato a metà novembre, proseguirà fino a febbraio 2016 e che, tra l’area torinese e le altre province, propone numerosi percorsi.

Il primo tema riguarda il rapporto tra potere temporale e potere spirituale nella regione, mentre il secondo, che concerne le passeggiate nell’area torinese, prenderà in esame la trasformazione della città dal ‘900 ai giorni nostri.

Dopo le proposte della scorsa sessione autunnale (Sacri Monti e paesaggio vitivinicolo di Langhe – Roero – Monferrato), quella invernale presenterà in particolare, le Residenze Reali (anche queste riconosciute dall’Unesco, patrimonio dell’umanità). Poi lo sguardo si allargherà ai castelli e alle dimore di nobili famiglie, da una parte e, dall’altra (grazie alla collaborazione delle diocesi del progetto “Città e Cattedrali”) sarà preso in esame il patrimonio artistico religioso della regione, visitando anche antichi luoghi di culto ebraici e valdesi.

A Torino il Gran Tour racconterà le trasformazioni cittadine cogliendo lo spunto dall’imminente apertura del “Polo del ‘900”, un nuovo centro culturale collocato nei Quartieri Juvarriani. Gli itinerari indicati come “Polo del ‘900” sono, infatti, realizzati dagli enti culturali partner del suddetto centro e sono dedicati appunto alla storia del Novecento. A questi percorsi di carattere storico si affiancheranno itinerari sull’evoluzione urbanistica della città, raccontando il nuovo utilizzo di spazi aperti, la trasformazione dei quartieri e gli interventi più recenti che li hanno riqualificati, come le numerose opere d’arte pubblica realizzate da artisti contemporanei.

Alcuni tra gli itinerari piu interessanti sono, per quanto riguarda Torino, “La Città di Gramsci” (alla volta dei luoghi che l’intellettuale sardo – vissuto a Torino dal 1911 al 1922 – frequentava e in cui si è formato),ma anche quelli tra i luoghi di Galileo Ferraris, inteso come “precursore dello sviluppo industriale” e tra le lapidi dei caduti della resistenza.

Per quanto riguarda gli “Itinerari in Piemonte”, invece, sono in programma (solo per citarne alcuni) “Da Valperga a Masino sulle tracce di Re Arduino”, una gita a Vercelli, tra “Arte ebraica e arte cristiana. Due culture a confronto”. I possessori dell’Abbonamento Musei Torino Piemonte usufruiranno di tariffe scontate. Programma, costi e luoghi di partenza si possono consultare sul sito www.piemonteitalia.eu. Qui ci si può anche prenotare o, in alternativa, si può telefonare al numero verde 800/329.329.

Articolo precedente#SAPEVATELO
Articolo successivoGUIDO RENI E I CARRACCI IN MOSTRA A BOLOGNA