MATISSE E IL SUO TEMPO

449

IMG_6788

“Ho lavorato per arricchire la mia intelligenza, per soddisfare le differenti esigenze del mio spirito, sforzando tutto il mio essere alla comprensione delle diverse interpretazioni dell’arte plastica date dagli antichi maestri e dai moderni”. Henri Matisse, Notes d’un peintre in “La Grande Revue”, 25 dicembre 1908. 02_Autoritratto

Matisse “l’ansioso, il follemente ansioso” – così lo descrive uno dei suoi amici divisionisti – l’uomo considerato uno delle coscienze artistiche più affascinanti del Novecento, è al centro della mostra, da poco inaugurata a Torino a Palazzo Chiablese, intitolata “Matisse e il suo tempo”.

10_Natura morta con credenza verdeCon 50 opere di Matisse e 47 di artisti a lui coevi quali Picasso, Renoir, Bonnard, Modigliani, Miró, Derain, Braque, Marquet, Léger – tutte provenienti dal Centre Pompidou di Parigi – la rassegna si prefigge di mostrare le opere matissiane attraverso l’esatto contesto delle sue amicizie e degli scambi artistici con altri pittori.

 

La curatrice Cécile Debray, conservatore del Centre Pompidou, ha prediletto tale prospettiva, fatta di confronti visivi con opere di artisti suoi contemporanei, per cogliere non solo le sottili influenze reciproche o le fonti comuni di ispirazione, ma anche una sorta di “spirito del tempo”, che unisce Matisse e gli altri artisti e che coinvolge momenti finora poco studiati, come il modernismo degli anni quaranta e cinquanta. Opere di Matisse quali Icaro (della serie Jazz del 1947),  Ragazza vestita di bianco, su fondo rosso (1946), interno rosso (1948) sono messe a confronto con i quadri di Picasso, come Nudo con berretto turco (1955), di Braque, come Toeletta davanti alla finestra (1942), di Léger, come Il tempo libero – Omaggio a Louis David (1948-1949).
17_Icaro

Concepita in dieci sezioni, secondo un iter cronologico intercalato da approfondimenti tematici, la mostra illustra l’opera e il percorso di Matisse dai suoi esordi con Gustave Moreau (1897-99) fino alla sua scomparsa negli anni Sessanta e alle ultime carte dipinte e ritagliate, passando attraverso l’avventura del fauvismo, al suo rapporto col cubismo, agli anni trascorsi a Nizza, al tema esotico dell’odalisca (ispirato dai suoi soggiorni in Marocco), alla svolta surrealista, alla stagione del ritorno alla pittura e degli “interni” di Vence negli anni Quaranta, al Modernismo, fino al lascito di Matisse all’Astrattismo.

07_Lorette con tazza di caffè

Questo omaggio torinese  a Matisse si realizza a Palazzo Chiablese, mentre la Galleria d’Arte Moderna del capoluogo subalpino ospita dal mese ottobre una splendida rassegna dedicata a Monet (quaranta  capolavori provenienti dal Musée d’Orsay) che si fregia di essere la mostra più visitata d’Italia, avendo superato  il numero di 152 mila visitatori prima ancora dell’avvento delle festività natalizie.

Promossa dal Comune di Torino – Assessorato alla Cultura, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e dal Polo Reale di Torino e organizzata dal Centre Pompidou di Parigi, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e Arthemisia Group, la mostra Matisse e il suo tempo sarà visitabile a Palazzo Chiablese di Torino dal 12 dicembre 2015 al 15 maggio 2016.

Info e prenotazioni: Tel. +39 011.0240113 ; www.mostramatisse.it ; Hashtag: #matissetorino

 Immagini:

Henri Matisse, Autoritratto, 1900

Olio su tela, 55×46 cm

Collection Centre Pompidou, Paris Musée

national d’art moderne – Centre de création

industrielle

Photo : © Centre Pompidou, MNAMCCI/

Philippe Migeat/Dist. RMN-GP

© Succession H. Matisse by SIAE 2015

 

Henri Matisse, Lorette con tazza di caffè, 1917

Olio su tela, 91×148 cm

Collection Centre Pompidou, Paris Musée

national d’art moderne – Centre de création

industrielle

Photo : © Centre Pompidou, MNAMCCI/

Philippe Migeat/Dist. RMN-GP

© Succession H. Matisse by SIAE 2015

 

Henri Matisse, Natura morta con credenza verde, 1928

Olio su tela, 81,5×100 cm

Collection Centre Pompidou, Paris Musée

national d’art moderne – Centre de création

industrielle

Photo : © Centre Pompidou, MNAMCCI/

Philippe Migeat/Dist. RMN-GP

© Succession H. Matisse by SIAE 2015

 

Henri Matisse, Jazz, tavola VIII: Icaro, 1947

Serie di venti tavole colorate realizzate con la

tecnica dello stampino, 42,5×65,5 cm

Collection Centre Pompidou, Paris Musée

national d’art moderne – Centre de création

industrielle

Photo : © Centre Pompidou, MNAM-CCI/

Georges Meguerditchian/Dist. RMN-GP

© Succession H. Matisse by SIAE 2015

Articolo precedenteGUIDO RENI E I CARRACCI IN MOSTRA A BOLOGNA
Articolo successivoLE TAPPE IN ITALIA DEL SALONE DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO