LE RESIDENZE SABAUDE, CASTELLI DELLA LOIRA D’ITALIA

797

 

09-palazzina-stupinigi

Le Residenze sabaude saranno i Castelli della Loira d’Italia. Ad esserne convinta Antonella Parigi, assessore regionale alla Cultura e al Turismo, che in occasione della presentazione della nuova stagione della Reggia di Venaria ha sottolineato come questo sia l’obiettivo della Regione Piemonte. Le regge piemontesi, strutture adibite a residenze ufficiali e, in parte, destinate alla caccia, attività prediletta dalla famiglia reale – oggi inserite tra i siti patrimonio dell’umanità dell’Unesco – , rappresentano un patrimonio di grande interesse storico, artistico e ambientale. Oltre a Palazzo Carignano, che oggi  ospita il museo nazionale del Risorgimento e il Palazzo Madama, sede del museo civico d’arte antica, in provincia di Torino sorgono Borgo Castello (nel Parco La Mandria), la meravigliosa Reggia di Venaria, il Castello Reale di Moncalieri, quello di Rivoli, quello di Aglié e la Palazzina di caccia di Stupinigi.

«In Regione c’è per la prima volta una delega congiunta Cultura-Turismo – ha detto l’assessore Parigi – Siamo molto attenti alla ricaduta che la Cultura può avere sul territorio, e vogliamo affrontare il tema turismo in questi termini: il Piemonte offerto non più soltanto come Langhe e Roero, grandi laghi, montagne straordinarie. Il nostro asso nella manica è il sistema di Residenze sabaude. Vogliamo che diventino i nostri Castelli della Loira”.

Obiettivo ambizioso ma non privo di attrattiva che, a regime e se opportunamente pubblicizzato come del resto fanno i Castelli della Loira appunto, maestri in  quest’attitudine promozionale, non mancherà di aggiungere all’offerta turistica regionale piemontese un pacchetto di sicuro richiamo. Con beneficio anche per l’indotto sul territorio. Sempre in questa direzione assisteremo dunque prossimamente alla trasformazione del Consorzio Reggia della Venaria in Consorzio Regge Sabaude che  “a sistema” comprenderà intorno alla Reggia della Venaria, anche le altre regge piemontesi, da Rivoli, a Racconigi a Stupinigi.

Immagine: Palazzina di Caccia di Stupinigi

Articolo precedenteL’ANNO D’ORO DEI MUSEI ITALIANI
Articolo successivoOMAGGIO A CALVINO