TUTELA AMBIENTALE PER LE ISOLE COOK

467

cook island

Lontano, molto lontano dal cuore dell’Europa, a metà strada tra la Nuova Zelanda e le Hawaii, come perle galleggiano nel mezzo dell’oceano le Isole Cook. Siamo nella magica Polinesia Neozelandese.

Miglior stagione per visitarle? Questa. Tra luglio e novembre, in pieno inverno, dunque: poca umidità, giornate soleggiate e secche, tempo di migrazione delle balene (fino ad ottobre) e di un ventaglio di eventi sportivi e culturali.

Da oggi questo piccolo angolo di paradiso diventa eco-sostenibile grazie al nuovo programma di tutela ambientale che le coinvolge. Proprio per compensare l’impatto che il turismo ha sul territorio, le Isole Cook presentano Mana Tiaki – “Protect a Little Paradise”, il programma creato dalla ONG Te Ipukarea Society (TIS) affinché i visitatori possano contribuire alla tutela del meraviglioso ambiente della destinazione. Al termine di una vacanza da sogno, al momento del check-out, il turista può decidere se partecipare all’iniziativa con una donazione volontaria destinata ad una delle cinque aree d’interesse della TIS: i giovani, lo sviluppo eco-sostenibile, la gestione dei rifiuti, la biodiversità ed il cambiamento climatico.

 

Informazioni: www.tiscookislands.org.  www.cookislands.travel

Articolo precedenteLA PACE CONVIENE – EMERGENCY AL BORGO MEDIEVALE DI TORINO
Articolo successivoGRONINGEN: UN NUOVO ITINERARIO CICLABILE LUNGO LA DIGA