RIAPRE IL MUSEO EGIZIO DI TORINO

601

Tra i tanti musei italiani che riaprono in occasione della Festa della Repubblica, martedì 2 giugno, il Museo Egizio di Torino, intende anche celebrare questo primo passo verso un ritorno alla normalità, richiamando l’attenzione sull’articolo 9 della Costituzione Italiana, che pone la promozione della cultura fra i principi fondamentali del nostro vivere democratico. Adotterà per tanto una apertura speciale dalle 10 alle 18 ad ingresso gratuito.

La decisione del direttore Christian Greco e della presidente Evelina Christillin, è stata presa insieme a tutta la squadra del Museo. Sarà quindi possibile tornare ad ammirare le collezioni dell’antico Egitto, sulla base però delle nuove modalità imposte dai protocolli sanitari, che prevedono anche la possibilità di gestire la biglietteria esclusivamente online, con l’obbligo di presentarsi già muniti del tagliando d’ingresso e in fasce orarie prestabilite. Sull’apposita sezione del sito www.museoegizio.it sarà pertanto possibile effettuare la prenotazione gratuita del proprio accesso e successivamente, sulla stessa pagina web, si potranno anche acquistare i biglietti.

Un’apposita segnaletica con icone egizie, realizzate ad hoc, aiuterà i visitatori a ricordarsi delle nuove regole da seguire, che prevedono il distanziamento e mascherine obbligatorie, che saranno messe a disposizione anche dallo stesso Museo. Ci saranno, infine, postazioni con gel igienizzante e la misurazione della temperatura all’ingresso.

A questa prima giornata seguirà, dal 5 giugno, un regime di aperture transitorio. il Museo sarà visitabile dalle 10 alle 18 per tre giorni alla settimana, il venerdì, il sabato e la domenica. E’ stato previsto, però, come compensazione, un tariffario rinnovato per l’occasione, e valido per tutto il mese di giugno, caratterizzato da diverse riduzioni: il prezzo d’ingresso è stato fissato a 9 euro, mentre il ridotto studenti (15-18 anni e universitari) passerà a 2 euro. Resterà invariato invece, l’accesso dei ragazzi dai 6 ai 14 anni a 1 euro. Sarà inoltre inoltre introdotto un Family ticket, dedicato ai nuclei composti da due adulti e due minorenni, al costo di 18 euro.

Le nuove tariffe, oltre ad andare incontro alle esigenze dei cittadini in un momento economicamente delicato, compensano anche alcune misure a tutela dei visitatori che prevedono la temporanea sospensione di servizi quali le audioguide, il guardaroba e il punto ristoro. Il Museum Shop sarà invece regolarmente attivo e, come in un normale esercizio commerciale, verrà richiesto ai clienti di rispettare le distanze.

Analogamente, sarà rimodulata anche la modalità di gestione dei gruppi, in virtù delle esigenze di sicurezza e della conseguente riduzione di capienza del Museo, che potrà ospitare simultaneamente 288 persone, rispetto alle 1600 abituali. Le visite di gruppo saranno quindi limitate alla partecipazione di un massimo di 12 persone con due possibili opzioni di tour: uno di 50 minuti a 40 euro e l’altro di 90 minuti a 70 euro, sempre acquistabili esclusivamente online.

 

Articolo precedenteQUANTO VALE IL TURISMO?
Articolo successivoLA SVIZZERA RIAPRE AL TURISMO CON “CLEAN & SAFE”