BAHAMAS A SANTO STEFANO E CAPODANNO

70

Il giorno di Santo Stefano e il giorno di Capodanno si svolgono i suggestivi festeggiamenti della cultura e della storia bahamen. Si tratta  della più grande celebrazione del Junkanoo (simile ad una sfilata carnevalesca) che ha luogo in Bay Street, nel centro di Nassau, ma i Bahamensi celebrano questa gioiosa tradizione in tutte le 16 isole dell’arcipelago. I partecipanti impiegano dei mesi a preparare i costumi per questa parata che è accompagnata dal ritmo costante di fischietti, campanacci, corni e tamburi realizzati con pelli di capra, che inizia nelle prime ore dopo la mezzanotte.

Poche notizie si hanno sulle origini di questo festival. Molti credono che questa celebrazione sia stata creata da John Canoe, un leggendario principe dell’Africa occidentale, che mise gli inglesi nel sacco e divenne un eroe locale. Molti la fanno risalire ai tempi della schiavitù: i lealisti (i coloni americani che rimasero fedeli al regno di Gran Bretagna e alla monarchia durante la guerra di indipendenza americana) che emigrarono alle Bahamas alla fine del XVIII secolo portarono con loro gli schiavi africani che appartenevano alla famiglia. Agli schiavi erano concessi tre giorni di riposo durante il periodo natalizio che erano soliti celebrare cantando e danzando, indossando pittoresche maschere e montando sui trampoli.

Le celebrazioni del Junkanoo Festival hanno segnato un’evoluzione dall’inizio del Novecento. Oggi non è tanto un festival di strada quanto piuttosto una grande sfilata, che celebra la cultura delle Bahamas. 

info: www.bahamas.com

Articolo precedenteBLINKOO, IL SOCIAL DEI VIAGGI
Prossimo articoloA VENT’ANNI ERO BELLA. DIARIO DI UNA DAMA DI CORTE