BLINKOO, IL SOCIAL DEI VIAGGI

139

Qualcuno ha detto: il viaggio comincia nella nostra mente. Sembrerebbe ancora più vero adesso, ora che ai social network approda blinkoo, un social travel recentissimo nel settore turistico. Le caratteristiche della comunicazione di questo medium specializzato in viaggi sono quelle verticali tipiche dei social: l’esperienza individuale come testimone e il messaggio. Grazie all’uso dell’intelligenza artificiale la nuova piattaforma ha come obiettivo il superamento delle recensioni dei viaggiatori/turisti già presenti in rete proponendo ispirazione, pianificazione e prenotazione di un viaggio in base ai consigli di influencer professionisti che hanno già vissuto esperienze autentiche e scoperto luoghi poco conosciuti.

Attualmente, sono oltre sessanta gli influencer e content creator che raggiungono una audience potenziale di qualche milione di utenti sui maggiori social media e che collaborano con blinkoo, una app disponibile per IOS e per dispositivi Android, per presentare il prodotto ai propri followers.

Il mercato, anche quello turistico, è sempre pronto a cogliere le istanze della domanda. Qui siamo in presenza di una operazione di marketing che tiene conto della tendenza attuale, il viaggio esperienziale, un viaggio fatto d’emozioni. «È da questo principio, che il turismo esperienziale nasce. Un turismo che, vicino al concetto di turismo lento e ben lontano da quello di turismo di massa, si rivolge a viaggiatori consapevoli che – ancor più che per la destinazione – scelgono un viaggio per l’esperienza intima e coinvolgente che sa regalare», spiega il sito specializzato Si Viaggia. Si tratta di una nicchia di mercato, quella del turismo esperienziale, non ancora del tutto sviluppata ed esplorata in Italia, ma che registra di anno in anno una crescita costante di questo segmento di mercato.

Nuovo per noi, ma non in Francia, per esempio, dove gli operatori sono ritenuti i migliori su tutto ciò che riguarda il turismo esperienziale, tanto da ritenere questa tipologia di offerta ormai passata; infatti stanno sviluppando una nuova offerta turistica, il tourisme transformationnel: «I turisti d’oggi cercano un’esperienza, ma un’esperienza autentica. La qualità dell’offerta deve essere privilegiata. Sempre più i viaggiatori chiedono di vivere un soggiorno che superi l’esperienza, un viaggio che li trasformi, che migliori il loro “io” interiore».

Come si vede, in un caso e nell’altro siamo di fronte a uno storytelling diverso da quello del turismo tradizionale, che tiene conto (cerca di tenere conto) della differenza tra turista e viaggiatore: il primo ha già un programma organizzato, il secondo organizza il suo viaggio. Ecco, l’offerta di mercato di blinkoo è far scoprire al viaggiatore il territorio reale e le sue modalità di fruizione più autentiche.

Buon viaggio.

 

Articolo precedenteSI ACCENDE IL NATALE ALL’ISOLA D’ELBA
Articolo successivoBAHAMAS A SANTO STEFANO E CAPODANNO