LE SPIAGGE DELL’ELBA AL TOP

48
Elba Island

Ben tre sono le Bandiere blu assegnate all’Elba, tutte nel Comune di Marciana Marina. Le spiagge di La Fenicia, Re di Noce, La Marina hanno conquistato nel 2022 il prestigioso riconoscimento destinato alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio. Due bandiere anche per gli approdi turistici, a Marciana Marina e Marina di Porto Azzurro.

La spiaggia di Cavoli (Marina di Campo) e La Sorgente (Portoferraio) sono invece rispettivamente al 14° e 16° posto nella classifica europea delle migliori spiagge stilata da European Best Destination. Cavoli è una delle spiagge più amate dell’Elba, per la sua sabbia e il mare particolarmente limpido. Complice del successo anche un microclima particolarmente favorevole, grazie alla vicinanza del Monte Capanne che ripara Cavoli dai venti e rendendo così la spiaggia utilizzabile durante quasi tutto l’anno.

La Sorgente, conosciuta anche come Acquavivetta, deve il suo nome a una sorgente d’acqua posta in un fosso poco distante. Acqua perfette, sabbia e ghiaietta caratterizzano questa spiaggia, che Culmina con un sentiero panoramico che conduce alla vicina spiaggia di Sansone, a sua volta inserita nella classifica delle spiagge più belle d’Europa nel 2021, secondo la classifica stilata da Trip Advisor.

Un ulteriore apprezzamento arriva dal pubblico della rete: la spiaggia delle Ghiaie di Portoferraio è tra le più cliccate del 2021 su Street View. Questa spiaggia, a nord-est dell’Isola, vicinissima a Portoferraio, è una delle più amate per la bellezza dei suoi fondali e per i ciottoli grigio-azzurri levigati dal mare. Il loro colore si deve agli Argonauti che, alla ricerca del Vello d’oro, approdarono su questa spiaggia e usarono i morbidi pezzi di pietra per detergersi il sudore, colorandoli per sempre. Se soffia lo scirocco, l’acqua diventa ancora più trasparente e il mare perfetto per lo snorkeling.

www.visitelba.info

Articolo precedenteCOMUNICAZIONE IN TEMPI DI GUERRA
Articolo successivo“ARTE PER STRADA TORINO” E’ ONLINE