LA BALLERINA E PITTRICE SIMONA ATZORI ALL’UNIVERSITÀ DEL DIALOGO DEL SERMIG

506

“Perché ci identifichiamo sempre con quello che non abbiamo, invece di guardare quello che c’è? Spesso i limiti non sono reali, i limiti sono solo negli occhi di chi ci guarda”. È da questa consapevolezza che è partita l’avventura umana e professionale di Simona Atzori. Milanese, 38 anni, pur essendo nata senza le braccia, Simona non si è mai persa d’animo e ha intrapreso da subito l’attività di pittrice e di ballerina classica. Passioni che l’hanno portato in giro per il mondo: ambasciatrice della danza al Giubileo del 2000, protagonista della cerimonia di apertura delle Paralimpiadi di Torino 2006, ospite del “Roberto Bolle & Friends”.

Lunedì 21 gennaio, alle ore 18.45 all’Arsenale della Pace di Torino, Simona Atzori racconterà la sua esperienza. Un dialogo a tutto campo con giovani e adulti sul tema “Così come sei”. La riflessione partirà dall’ultimo libro dell’Atzori Cosa ti manca per essere felice?: una testimonianza su come vivere in pienezza, al di là di ogni limite. L’evento è inserito nel cartellone d’incontri intitolato:“Oltre Babele. Dal caos alla responsabilità”,  organizzato dall’Università del Dialogo. L’Università del Dialogo è uno spazio di formazione permanente promosso dal Sermig (la realtà di pace e solidarietà, nata nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero), con l’obiettivo di riflettere sui problemi del nostro tempo in una prospettiva di speranza.

Informazioni: www.sermig.org  e www.unidialogo.sermig.org

Immagine: Sermig/np

Articolo precedenteANDREA CHENIER. RIVOLUZIONE, AMORI E MORTE: UN’OPERA VISSUTA DIETRO LE QUINTE
Articolo successivo“LÒM A MERZ”: FUOCHI MAGICI NELLE ROMAGNE