LA NUTRIZIONISTA RISPONDE

381

editorialePuò una persona, per salvaguardare il proprio benessere, rimanere “a dieta” tutta la vita? E’ necessario conoscere tutte le diete aggiornate per potersi alimentare correttamente? E’ indispensabile assumere integratori alimentari per essere sani e belli? Può avere un senso eliminare completamente alcuni alimenti dalla nostra tavola per evitare di ingrassare? Sono questi gli interrogativi posti più frequentemente agli esperti di alimentazione.

Una corretta educazione alimentare è l’arma vincente per aiutare l’organismo a mantenere uno stato di benessere. Non esiste una dieta personale che possa valere per sempre, cambiando le esigenze fisiologiche dell’individuo secondo le sue fasi di sviluppo. Non sono ancora state scoperte diete miracolose che possano garantire negli anni il mantenimento di un’ottima forma fisica e gli integratori presenti in commercio non possono considerarsi sostitutivi ad una sana alimentazione completa ed equilibrata.

Non ci sono pertanto scorciatoie per arrivare rapidamente ad un risultato soddisfacente, non ci sono modi per ingannare l’organismo a raggiungere senza impegno una buona forma fisica ma soprattutto non è sempre così facile identificare le cause che portano a rilevanti problemi dietologici.

La “manutenzione” del nostro fisico è fatta di tanti piccoli “interventi” che devono mirare a fare lavorare il nostro organismo in condizioni ottimali: per questo si deve pensare sicuramente all’attività fisica, ad un’alimentazione regolare e corretta e ad uno stile di vita sano.

Scopo della nutrizione clinica è quello di studiare l’individuo per cercare di costruire un piano alimentare che tenga conto delle diverse esigenze personali e che permetta di coprire il fabbisogno energetico senza sprechi né carenze. In quest’ottica si deve inserire anche un programma di educazione alimentare che permetta di essere consapevoli delle scelte che si fanno con il cibo e di conoscere gli alimenti anche nelle loro caratteristiche nutrizionali.

Oggi si parla molto di cucina: all’arte culinaria sono dedicate numerose trasmissioni televisive, molte pubblicazioni ed un numero crescente di siti web.

Riscoprire il piacere della buona tavola, dalle ricette della tradizione alla cucina creativa, è diventata una tendenza del momento che sicuramente trova terreno fertile in un periodo sociale ed economico particolarmente critico in cui sono necessari “diversivi” che possano gratificare le persone.

La cucina è sicuramente una fonte di soddisfazioni nel nostro paese che vanta tutta una serie di eccellenze in questo settore.

Pertanto un progetto ambizioso potrebbe essere quello di coniugare la buona cucina e quindi il gusto ad una sana alimentazione e quindi alla salute della persona. Entrambi gli aspetti non si escludono vicendevolmente bensì potenziano lo scopo finale per cui mangiare bene si traduce in stare bene.

 

Dr. Grazia Maria SENA – Medico Specialista in Patologia Clinica e Nutrizionista

http://graziasena.wix.com/nutrizionista

mela7

 

 

 

 

 

 

Immagine “le mele” di Vincent Teriaca

Articolo precedente“STORIE DELL’ITALIA CHE CE L’HA FATTA” IN MOSTRA AD ASTI
Articolo successivoRIAPRE L’ADVENTURE CLIMB VARMOST