“STORIE DELL’ITALIA CHE CE L’HA FATTA” IN MOSTRA AD ASTI

347

rinascita. palazzo MazzettiC’era, una volta, l’Italia. Tutte le belle favole cominciano così. Quella che la città di Asti racconta nei suoi Palazzi Mazzetti, Alfieri e Ottolenghi è la favola dell’Italia bella, entusiasta, inedita, creativa. Che ce l’ha fatta a uscire dalle rovine e dalla crisi del Dopoguerra. L’Italia che ha consegnato al mondo le sue invenzioni tra il ’45 e il ’70, che dettano ancora legge dopo oltre quarant’anni: oggetti di design, capi d’alta moda, le invenzioni della tecnologia e della chimica industriali. Una storia, “la Rinascita. Storie dell’Italia che ce l’ha fatta”, che comprende autentiche opere d’arte d’ingegno e di mestiere: giochi, casalinghi e oggetti d’uso domestico, mobili, foto del Touring, gomme Pirelli e calcolatrici Olivetti; i poster di Armando Testa… Una storia articolata per venticinque anni, cui fanno da “spiega” i quadri sinottici e i dati statistici dell’Istat a Palazzo Mazzetti, le parole di Paolo Conte “guida” a Palazzo Ottolenghi e la mediateca di Palazzo Alfieri (Cinema, Radio, Televisione, Letteratura e Cronaca). Bella storia. Che, insieme con l’inventiva e la produzione, testimonia e celebra perentoriamente il filo rosso che lega tutto il periodo frutto di un percorso preciso, della grande dedizione al lavoro che ha contraddistinto più generazioni di donne e uomini che hanno saputo rialzarsi e conquistare il mondo con la loro inventiva, la loro visione, il loro mestiere. Per i visitatori, la Mostra ha anche un’altra non meno importante chiave di lettura: è eloquente esempio-invito a “rinascere” uscendo da un altro dopoguerra, la devastante crisi economica e culturale dei nostri giorni.

Un giudizio ben riassunto da Davide Rampello, già presidente della Triennale di Milano, curatore del padiglione Zero e delle attività artistico-culturali di Expo 2015 e della mostra astigiana inaugurata il 22 giugno: “La lezione che emerge dalla testimonianza esposta nella mostra di Asti è: l’orgoglio del lavoro. L’Italia del boom era piena di artigiani, di tecnici fantasiosi; oggi invece ammiriamo fanaticamente calciatori e chef. E gli altri mestieri sembrano solo fatica”. Appunto: c’era, una volta, l’Italia…

Costellando l’intero periodo della Mostra (dal martedì a domenica dalle 10,30 alle 19,30, fino al tre novembre) numerosi eventi collaterali, culturali ed espositivi, invitano a un sopralluogo nella città dell’Alfieri. E a esplorarne il territorio, il gradevole Monferrato.

Informazioni: www.larinascitaasti.it,  www.palazzomazzetti.it

Articolo precedenteIL MONDO DEL CAFFÈ A OSLO
Articolo successivoLA NUTRIZIONISTA RISPONDE