GIOVANI D’OGNI ETÀ NEGLI OSTELLI LOMBARDI

387

 

Milano-Piazza-del-Duomo-e-Galleria-Vittorio-Emanuele-II_01

Buone notizie per i backpacker, gli escursionisti giramondo col sacco in spalla che alloggeranno negli ostelli della gioventù lombardi: presto avranno a disposizione stanze doppie con bagno e wi-fi. a tariffe molto contenute, sotto i 30 euro a notte.
In vista di Milano Expo 2015, gli ostelli della gioventù lombardi infatti si apprestano a un face lifting: addio alle barriere architettoniche, camere matrimoniali, televisore e wi-fi. «Un misto di comfort e tecnologia per chi, giovani o famiglie, desidera una vacanza sostenibile e a buon prezzo» commenta l’assessore regionale allo Sport e alle politiche per i giovani Antonio Rossi. Per raggiungere questo risultato la regione ha ulteriormente stanziato un milione di euro per il rinnovamento del look di 10 strutture ricettive. Un finanziamento che si aggiunge ai 23 milioni impegnati già dal 2009 per la riqualificazione di queste strutture a prezzi modici.

Gli ostelli presenti in Lombardia oggi sono 65, distribuiti sull’intero territorio regionale in località di sicuro interesse turistico, dalle Alpi al Po, dalla Valtellina al lago di Garda. La loro capacità ricettiva attuale è di 2.673 posti letto; l’anno passato sono stati utilizzati da oltre 200 mila turisti italiani e stranieri. «Grazie ai fondi erogati – ha spiegato l’assessore – potremo cofinanziare gli interventi di riqualificazione finalizzati alla realizzazione di una o più camere attrezzate per portatori di handicap, all’aumento fino al 60 per cento di camere con bagno privato e alla riduzione dei posti letto per camera fino al massimo di 6, in modo da avere strutture adeguate al Regolamento regionale».

Complice il self-buying e la situazione economica che induce oculatezza nelle spese per il tempo libero, si sta lentamente affermando anche in Italia la ricerca di turismo low-cost in strutture di qualità, come già accade anche in altri Paesi europei in cui la cultura dell’ostello è più radicata. «Con questa delibera – ha ricordato l’assessore Rossi – rispondiamo alle esigenze dei nostri giovani, offriamo loro la possibilità di fare turismo a prezzi contenuti, in sedi ospitali e di qualità».

Il programma di ristrutturazione e valorizzazione attuato da Regione Lombardia ha come obiettivo per l’Expo – maggio 2015 –  l’apertura di 80 strutture, ovvero 3 mila posti letto e una capacità di accoglienza fino a 500 mila persone. Inoltre, grazie a una convenzione con il Touring Club Italiano, i turisti/visitatori che pernottano negli Ostelli della gioventù lombardi possono scegliere fra 12 itinerari treno+bici appositamente studiati; percorsi che permettono di scoprire, da un diverso punto di vista di fruizione del territorio e delle sue infrastrutture, il grande patrimonio, storico, culturale, religioso, paesaggistico ed enogastronomico della Lombardia.

 

immagine: http://www.italia.it/it/home.html

Articolo precedenteIL PALIO DEL NIBALLO A FAENZA
Articolo successivoCIBO ED EROS: ALLEATI O NEMICI?