LEONARDO E I TESORI DEL RE

521

 

Autoritratto

Un altro grande evento a Torino: “Leonardo e i Tesori del Re”. Dal 30 ottobre al 25 gennaio 2015 il capoluogo piemontese offre la preziosa opportunità di trovarsi a tu per tu con una selezione di oltre ottanta capolavori assoluti. Le opere in mostra – il celeberrimo Autoritratto, il Ritratto di fanciulla,  il Codice sul volo degli uccelli e altri dieci fogli di Leonardo da Vinci, disegni di Raffaello, Carracci, Perugino, Van Dyck, Rembrandt, Tiepolo, il Theatrum Sabaudiae, codici miniati, carte nautiche ed altre opere grafiche ed oggetti dalle preziose collezioni della Biblioteca- sono allestite sia nello straordinario Salone realizzato nel 1837 dall’architetto di corte Pelagio Palagi, sia nei due caveau del piano interrato, la Sala Leonardo e la nuova sala a latere che raddoppia  e trasforma lo spazio espositivo.

La realizzazione di questa nuova location s’inquadra nel più vasto progetto del Polo Reale di Torino che riunisce in un unico complesso architettonico cinque musei un tempo divisi (Palazzo Reale, Armeria Reale, Galleria Sabauda, Museo Archeologico, Biblioteca Reale), consentendo di ripercorrere l’intera storia della città e della nazione, dagli insediamenti romani all’Unità d’Italia. Nell’ambito del Polo Reale, la Biblioteca Reale di Torino è il luogo della memoria e della storia d’Europa; conserva 200.000 volumi, 4.500 manoscritti, 5.000 cinquecentine, 1.500 pergamene, 1.112 periodici, oltre 3.000 disegni, 187 incunaboli (testi del XVI secolo), 400 album fotografici  e carte geografiche, incisioni e stampe.

L’apertura della mostra “Leonardo e i Tesori del Re”  rappresenterà per Torino un’occasione eccezionale per rendere noto a livello internazionale di  essere la custode del celeberrimo autoritratto di Leonardo (che rappresenta il volto dell’artista in tutto il mondo). Anzi, d’ora in avanti la città punterà a far sì che il disegno del viso pensoso del genio rinascimentale diventi la sua terza icona (dopo la Mole Antonelliana e il Museo del Cinema): parola del sindaco Fassino. Già, perché non è evento di tutti i giorni l’uscita in pubblico dell’opera a sanguigna del genio vinciano, poiché si tratta di un’opera estremamente delicata che non può  esser sottoposta a stress, essendo stata in passato aggredita dal “cancro della carta”.

Intanto, mentre le prenotazioni per la mostra su Leonardo iniziano ad arrivare da tutto il mondo, dalla Biblioteca Reale giunge notizia del progetto per un prossimo allestimento altrettanto grandioso che presenterà al pubblico disegni e studi per la cappella Sistina di Michelangelo.

E così Torino prosegue, con orgoglio, la sua strada nel nome della Cultura.

Salone Palagiano-BibliotecaReale-Torino

La mostra “Leonardo e i Tesori del Re”, gestita dalla Città di Torino e Turismo Torino e Provincia, è aperta dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 18. L’ingresso alla mostra, vista la location, è esclusivamente su prenotazione (25 persone massimo ogni 30 minuti, flusso incrementabile per il 2015) acquistabile con carta di credito su www.turismotorino.org o presso la Biglietteria della mostra alla Biblioteca Reale.

Per maggiori informazioni: 011.535181 attivo dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18 o mandare una mail a biglietteria@turismotorino.org

Immagini: Leonardo da Vinci- Autoritratto / Salone Palagiano- Biblioteca Reale – Torino

 

Articolo precedenteLA CARPA DI NATALE
Articolo successivoSAN FRANCISCO…VIVERE UN’EMOZIONE CON SOLI 6 DOLLARI