I LUNEDI’ DELL’UNIVERSITA’: TRA SITUAZIONE ECONOMICA E BANCARIA IN ITALIA

322

Sulla situazione economica del nostro paese si sente dire di tutto. Per alcuni la ripresa potrebbe essere dietro l’angolo, per altri ci vorrebbe, invece, ancora molto tempo, almeno per vederne gli effetti. Per questo motivo l’edizione di primavera de “I lunedì dell’Università” si inaugura (il 16 marzo alle 18 nell’aula magna del rettorato di Torino, via Verdi 8) con alcune “Considerazioni sulla situazione economica del nostro paese”. A fare chiarezza, valutando implicazioni e prospettive, saranno Sergio Bortolani, direttore della Scuola universitaria di Economia e Luigi La Spina, opinionista de La Stampa. L’iniziativa, promossa dall’Associazione Amici dell’Università con l’Ateneo torinese e La Stampa (come media partner), rientra nel progetto denominato “L’Universitàchecontinua”, volto a favorire l’aggiornamento di studenti e laureati. Le conferenze sono però ad ingresso libero poiché, come spiegano il rettore Gianmaria Ajani e il presidente della suddetta Associazione, Dagoberto Brion, offrono “l’opportunità di informarsi e approfondire tematiche molto importanti e attuali per tutti coloro che vogliono conoscere ed imparare”. Il secondo incontro, il 23 marzo, verterà sul ruolo delle banche nel nostro paese nonché della Banca d’Italia, alla luce del nuovo sistema di vigilanza europeo. Ne parleranno, tra gli altri,Carmelo Barbagallo, della Banca d’Italia (Dipartimento vigilanza bancaria e finanziaria) e Gian Maria Gros-Pietro dell’Associazione Bancaria Italiana. Le ultime due conferenze, il 30 marzo e il 13 aprile, saranno poi dedicate a Torino (unica città italiana insignita dall’Unesco del titolo di “Creative city”) e ai segreti dell’universo. Occorre prenotare i tagliandi d’ingresso allo 011/6604284,  ritirarli in via Lugaro 15 o in via Po 29 o scaricarli dal sito www.universitachecontinua.it.nuovo_rettore_Ajani_2013_012

Articolo precedenteLA FRANCIA FESTEGGIA IL “CAVALIERE DEL RINASCIMENTO”
Articolo successivo“FESTIVAL DE LA VENDIMIA” IN PERU’