PIACENZA: APRE LA CUPOLA PER IL GUERCINO

595

A Piacenza, dal 4 marzo al 4 giugno, Giovanni Francesco Barbieri (Cento, 1591 – Bologna, 1666), soprannominato il Guercino, che in città e nel “ducato di Parma e Piacenza” ha lasciato importanti testimonianze, viene celebrato con un unico percorso, tra sacro e profano: il Duomo e Palazzo Farnese.

Fulcro della manifestazione la Cattedrale, la cui cupola ospita lo straordinario ciclo di affreschi realizzati dall’artista emiliano tra il 1626 e il 1627 e che grazie a una nuova illuminazione si presenta in tutta la sua bellezza.

Eccezionalmente, per tutta la durata dell’evento i visitatori avranno la possibilità di salire i 169 gradini delle scale medievali che portano all’interno della cupola del Duomo di Piacenza e ammirare da vicino i sei scomparti affrescati con le immagini dei profeti Aggeo, Osea, Zaccaria, Ezechiele, Michea, Geremia, le lunette in cui a otto affascinanti Sibille si alternano episodi dell’infanzia di Gesù – Annuncio ai Pastori, Adorazione dei pastori, Presentazione al Tempio e Fuga in Egitto -, e il fregio del tamburo. L’introduzione alla visita è affidata a una sala multimediale, che permette al pubblico di leggere in modo innovativo il capolavoro del Guercino grazie a particolari visori 3D.

Contemporaneamente alla visita della cupola del Duomo, la Cappella ducale di Palazzo Farnese accoglie la mostra «Guercino tra sacro e profano» che presenta una selezione di 20 capolavori del pittore “luminista”, in grado di restituire la lunga parabola che lo ha portato a essere anticipatore del Barocco: uno degli artisti del Seicento italiano più ammirati a livello internazionale.

 

GUERCINO A PIACENZA 4 marzo – 4 giugno 2017

Cattedrale di Piacenza (piazza Duomo)

Musei di Palazzo Farnese (piazza Cittadella 29)

Info: tel. 335.1492369; info@guercinopiacenza.com

Sito internet: www.guercinopiacenza.com   #guercinoapiacenza

Articolo precedenteIL MAGNESIO, UN ALLEATO CONTRO LA “SINDROME DA CAMBIO DI STAGIONE”
Articolo successivoARTIGIANI, VIGNAIOLI E ARTISTI INDIPENDENTI IN FESTIVAL