COOKIN’ FACTORY NON SI FERMA!

362

Ci sono passioni che ti cambiano la vita. Per Claudia Fraschini la cucina è una di quelle. Amore a prima vista, lunghi anni di lavoro e studio. Anni anche di insegnamento, organizzazione di eventi, catering e scuola. Alla fine però tutta questa grande palestra, tutte queste esperienze da qualche parte dovevano trovare spazio. E lo hanno trovato.  Si chiama COOKIN’ FACTORY, è a Torino ed è il luogo all’interno del quale ogni cosa trova il suo senso intorno al cibo e alla cucina. Dimenticatevi la classica scuola o la super location per eventi. Questo luogo, fatto da persone per le persone, nasce da un edificio che era una vecchia tipografia e pensato per essere eco compatibile e a basso impatto ambientale.

In questi quasi due mesi di lockdown Claudia Fraschini non si è mai fermata! Ha continuato ad andare alla Factory, aprirla, allestirla, cucinare e realizzare video e tutorial, che sono andati online su Facebook e Instagram e su GRP, per proseguire nel fare ciò che ama di più: insegnare la cucina.

E poi ci sono i due originali progetti che Claudia ha fatto partire in questi giorni: lezioni individuali di cucina  e organizzazione di cene con amici.

Il primo si chiama IN CUCINA CON CLAUDIA: voi scegliete gli ingredienti, il piatto che desiderate cucinare e lei, in diretta, vi insegnerà come cucinarlo o, se preferite, ingredienti alla mano, potrete cucinarlo assieme a lei.

CENA FRA AMICI è  il nome del secondo progetto Le cene con gli amici ci mancano. E allora la Factory vi aiuterà a ricrearle: una cena assieme, ciascuno a casa propria. Menù recapitati con piatti, bicchieri e posate, fiori e candele. Tutto ciò che rende una cena speciale! Una cena su Zoom, Skype, con gli stessi piatti, la medesima apparecchiatura e sapori comuni. Su richiesta ci sarà la possibilità di avere diversi servizi aggiuntivi: musica dal vivo o la chef che racconta il menù a inizio cena.

Per info e prenotazioni: info@cookinfactory.com – www.cookinfactory.com

 

Articolo precedenteLA PRIMAVERA NON BADA AL LOCKDOWN
Articolo successivoMOUGINS, L’ARTE DI VIVERE