RIAPRONO PALAZZI VILLE E CASTELLI DEL PIEMONTE

489

Riaprono finalmente al pubblico, dopo il lockdown, anche i percorsi di visita dei palazzi, delle ville e dei castelli del polo museale regionale del Piemonte. Parliamo quindi, per quanto riguarda l’area torinese, di Palazzo Carignano, Villa della Regina e Castelli di Moncalieri e di Agliè ma, per chi voglia approfittare del bel tempo estivo per fare una gita un po’ più lontano, saranno aperti anche  il Forte di Gavi e, da sabato 4, l’Abbazia di Vezzolano, il Castello di Racconigi e il Castello di Serralunga d’Alba.

Oltre alle nuove norme, che tengono conto soprattutto del distanziamento sociale, due sono le novità principali. Tornano a far parte degli itinerari di visita, infatti, anche gli Appartamenti Reali del Castello di Moncalieri (rimasti chiusi per diverso tempo) e il primo anello del Parco del Castello di Racconigi, dopo una serie di interventi di manutenzione e messa in sicurezza.

Il Castello di Moncalieri, in particolare, che svetta imponente e austero sulla collina torinese, tornerà ad animarsi, riaprendo al pubblico gli ambienti ricchi testimonianze artistiche che furono abitati in particolare dalle principesse Maria Letizia e Maria Clotilde e ospitando, al contempo, una serie di iniziative che avranno luogo nel Giardino delle rose.

Grazie ad un accordo tra enti pubblici e altre istituzioni locali (tra cui l’Arma dei Carabinieri e il Consorzio delle Residenze Sabaude), sarà dunque possibile, da venerdì 3 luglio, ammirare nuovamente non solo gli appartamenti delle due principesse ma anche quello di Vittorio Emanuele II di cui, quest’anno, ricorre il bicentenario della nascita e la Cappella Reale.

Anche il programma degli eventi, inserito nella rassegna estiva messa a punto dall’Assessorato alla cultura in diversi luoghi all’aperto di Moncalieri, si inaugura venerdì 3 con un concerto di musica barocca, alle 21 (i dettagli e il programma si possono consultare su www.comune.moncalieri.to.it).

L’apertura e le visite guidate del Castello di Moncalieri – che avranno luogo dal venerdì alla domenica e nei giorni festivi, dalle 10 alle 18 – sono subordinate all’obbligo della prenotazione (tramite il sito www.lavenaria.it) della mascherina, del rilevamento della temperatura e dell’ingresso contingentato (non più di otto persone alla volta).

Tutte le informazioni su polomusealepiemonte.beniculturali.it

Articolo precedenteI LUNEDI’ DELL’ALBERTINA
Articolo successivoPROSSEMICA