FIORITURE PRIMAVERILI IN POLONIA

81

Visitare i Monti Tatra in primavera nasconde una sorpresa. Una sorpresa molto colorata.  Prima di svelarla riserviamo due parole  per meglio orientarci geograficamente. Stiamo parlando di una catena montuosa -al confine tra Polonia e Slovacchia- che rappresenta la parte più elevata dei Carpazi (il sistema montuoso, lungo 1500 km, che attraversa l’Europa centrale e orientale).

La sorpresa va cercata nel primo di questi paesi, in Polonia, più precisamente nella Valle Chochołowska, una lunga radura che si estende per 10 chilometri. Qui si apre alla nostra vista  un vero e proprio spettacolo floreale: una magnifica fioritura di crochi. Queste meraviglie della natura sono tra i primi bulbi che annunciano la primavera. Si schiudono ogni anno -tra fine marzo e fine aprile- esplodendo in una girandola di delicati colori violacei.

Nei pressi di questa valle, sulle pendici dei monti Tatra, troviamo Zakopane, la più famosa e pittoresca cittadina montana della Polonia, punto di partenza per gli sport invernali e di attività di scalata ed escursioni durante l’estate.

La località (facilmente raggiungibile da Cracovia con ogni mezzo) vale la pena di essere visitata per la sua architettura, per le gallerie d’arte, per le botteghe artigiane e anche per percorrere Krupówski, la via del passeggio, ricca di locali e ristoranti. Qui è possibile gustare un oscypek (tipico formaggio con latte di capra) seduti in un dehors panoramico da cui poter ammirare le montagne sovrastanti. Tra le alture svetta il Monte Giewont, conosciuto come il cavaliere dormiente (śpiący rycerz),  simbolo di Zakopane.

Il Parco Nazionale dei Monti Tatra, iscritto nell’Elenco delle Riserve della Biosfera dell’Unesco, con oltre 240 km di percorsi turistici rappresenta una meta molto interessante per chi ama praticare trekking alpino: le vette e le ripide pareti granitiche, le conche postglaciali, i laghi, le grotte e le meravigliose vallate con i loro torrenti creano alcuni dei più bei paesaggi del Paese.

 

Articolo precedentePICNIC DI PASQUA E PASQUETTA NEI PARCHI STORICI
Articolo successivoIL GIORNALE DELLA 3C