AL VIA L’ESTATE NELLE ISOLE VERGINI BRITANNICHE

341

bvi-festival-parade-webIl 25 luglio, con l’apertura dell’Emancipation Festival, si accende l’estate nelle Isole Vergini Britanniche.  La manifestazione, che celebra l’anniversario dell’abolizione della schiavitù nelle Isole, è la massima espressione della cultura del luogo: spettacoli di calypso e soca, colorati cortei e sfilate in maschera, feste in spiaggia, competizioni sportive, sport acquatici, cucina tradizionale, gare a cavallo e tantissima musica animerà le giornate e le notti fino al 10 agosto. Le celebrazioni si apriranno con il Gospel Fest, che anticipa la grande opening night del giorno seguente presso il Festival Village di Road Town. Cuore pulsante del festival, Road Town è il capoluogo di Tortola una delle 15 isole abitate dell’arcipelago (su una sessantina, compresi piccoli cay corallini e scogli affioranti). Tortola (isola delle tortore), con i suoi 55 kmq di superficie, rappresenta un terzo dell’area terrestre dell’arcipelago e ospita la maggior parte della popolazione.

Il Festival raggiunge il culmine tra il 4 e il 7 agosto con la Freedom March & Emancipation Service, una parata che termina con la proclamazione dell’atto di liberazione dalla schiavitù. Da non perdere, infine, le due August Parade, a Road Town e nell’East End: carri colorati, musica folkloristica, ballerini e lo spettacolo dei moko jumbies (che intrattengono la folla dall’alto di vertiginosi trampoli).

Queste giornate sono inoltre un’ottima occasione per gustare le specialità tipiche delle Isole Vergini Britanniche. In particolare alla Food Fair che sarà aperta al Noel Lloyd Park di Road Town, dove è possibile assaggiare i piatti della tradizione: zuppe e ricette a base di pesce e crostacei. La specialità locale è il callaloo, una zuppa piccante a base di verdure e carne di maiale e di manzo tagliata a dadini. Altri piatti tipici sono la frittura di conch, un mollusco di cui si vantano le qualità afrodisiache  e il pesce fritto marinato. Ma non solo. La posizione strategica delle isole ha fatto approdare diversi popoli e culture: West Indies, africana, francese e spagnola, che hanno influenzato la cucina dell’arcipelago. I sapori  sono decisi e speziati: ogni isola ha un suo condimento tipico. Per palati robusti c’è l’infuocato caribbean seasoning, tipico di Peter Island: sale locale, timo, erba cipollina, pepe nero in grani, chiodi di garofano freschi, chili giallo piccante, aglio e noce moscata. E per “spegnere” i palati arrivano in soccorso i coloratissimi cocktail locali, a base di frutti tropicali e di rhum.

 

Informazioni: www.bvitourism.it

Immagine: Festival Parade

 

Articolo precedenteCANDIDATURA UNESCO DELLE COLLINE PIEMONTESI: VERDETTO NEL 2014
Articolo successivo“CALICI DI STELLE” NELLA NOTTE DI SAN LORENZO