‘IL BACIO’ DI HAYEZ BATTE TUTTI

584

Il Bacio

Baci famosi ce n’è più d’uno. Tra quelli della settima arte sono memorabili quello di ‘Via col vento’ con Clark Gable e Vivien Leigh avvinghiati; quello che si scambiano Leonardo di Caprio e Kate Winslet in ‘Titanic’, quello del film ‘Ghost’ tra i giovanissimi (allora) Demi Moore e Patrick Swayze; quello scambiato tra Audrey Hepburn e George Peppard in ‘Colazione da Tiffany’, per esempio. E poi, quello di Times Square immortalato in una foto scattata il 14 agosto 1945 da Alfred Eisenstaedt, nel quale un marinaio e un’infermiera con un bacio appassionato festeggiarono la vittoria sul Giappone e la fine della Seconda Guerra Mondiale. Una posa considerata perfetta ancora oggi, dopo 70 anni.

Tra quelli in catalogo con l’altra musa, l’arte figurativa, famosi sono per esempio i baci dipinti da maestri della pittura, in varie epoche, come gli assai noti: ‘Il Bacio’ di Gustave Klimt risale al 1907-1908, ‘Gli amanti’ di René Magritte al 1928.

Per otto italiani su dieci (82%), però, il più bel bacio di sempre è ‘Il bacio’ di Hayez, il quadro che il celebre pittore italiano dipinse in tre versioni tra il 1859 e il 1879: amore romantico per eccellenza (78%), aspirazione di coppia (64%) e desiderio di emulazione (58%) sono i motivi per cui il dipinto è diventato per gli italiani icona del bacio, avvincente al punto di ispirare il packaging dei Baci Perugina.

E’ quanto emerge da uno studio commissionato proprio da Baci Perugina in occasione della retrospettiva dedicata all’artista Francesco Hayez, in programma sino al 21 febbraio nelle Gallerie d’Italia in piazza della Scala 6 a Milano, che raccoglie circa 120 opere del maestro ottocentesco. La ricerca e’ stata condotta su circa 1.000 italiani uomini e donne di eta’ compresa tra i 18 e i 65 anni con metodologia Woa (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio dei principali social network, forum, blog e community per capire qual è il bacio più amato di sempre da parte degli italiani.

L’opera di Hayez , raffigurante un soldato che saluta la sua fidanzata abbracciandola e baciandola appassionatamente è considerata anche una delle icone del nostro Risorgimento. Hayez ne eseguì tre versioni, diverse tra loro solo per alcuni particolari dell’abbigliamento dei protagonisti: nel 1859, nel 1861 e nel 1867 per l’Esposizione Universale di Parigi, dove l’artista raggiunse fama internazionale.

I valori che hanno determinato il successo imperituro de ‘Il Bacio’ di Hayez? Secondo il 78% degli italiani, i due innamorati che si baciano incarnano la sensualità che ogni coppia dovrebbe avere (63%) e in cui ogni coppia innamorata si riconosce (64%). Il 23% degli italiani, poi – e questo è davvero inconsueto – ricorda anche l’importante significato storico che il celebre dipinto ricopre: attraverso i colori (il bianco della veste, il rosso della calzamaglia, il verde del cappello e del risvolto del mantello e infine l’azzurro dell’abito della donna), Hayez ha voluto rappresentare l’alleanza tra l’Italia e la Francia.

 

Gallerie d’Italia in piazza della Scala 6, Milano. ORARI Martedì-domenica 9:30-19:30 (ultimo ingresso alle 18:30); giovedì 9:30-22:30 (ultimo ingresso alle 21:30); lunedì chiuso. La mostra NON sarà visitabile nei pomeriggi dei giorni 19/11/15, 03/12/15 e 10/12/2015.

Per maggiori info: info@gallerieditalia.com  http://www.gallerieditalia.com/

 

Articolo precedenteTURISMO CON GUSTO
Articolo successivoNATALE SOTTO IL SOLE DI BARBADOS