QUALE DESTINO PER L’OCCIDENTE?

509

«L’Occidente paga lo scotto di una grave mancanza, quello di aver smesso di garantire ai suoi cittadini quello che ci si aspetta dai propri governi» ossia: equità, prosperità e sicurezza. Lo si legge a pag.10 del libro di Bill Emmott Il destino dell’Occidente. Come salvare la migliore politica della storia (Marsilio), 307 pagine, 18,00 euro.

Ma che cos’è l’Occidente? Secondo l’Autore, essere moderni e occidentali è la stessa cosa. Essere occidentali significa per definizione essere all’avanguardia in quasi ogni campo: scienze, cambiamenti sociali, culturali, benessere, prestigio, potere. Un fatto così acquisito che, quando parliamo di «occidentali», facciamo persino fatica a ricordarci da che cosa ciò nasce e di che cosa parliamo.

L’Occidente, ricorda Emmott – direttore dell’Economist dal 1993 al 2006, “montiano” durante il governo Monti come si autoproclama nella postfazione all’edizione italiana, collabora regolarmente con La Stampa –, è un modo di organizzare la società che, rispetto ad altri modi, ha procurato a chi ha scelto di perseguirli più libertà pace stabilità opportunità e progresso di qualunque altra epoca precedente. Oggi quest’idea è oggetto di pesanti minacce. Non dall’esterno, ma dall’interno. Si spiegherebbe così, secondo l’Autore, l’emergere di personalità e forze politiche che impersonano valori assolutamente non occidentali. Valori che rischiano di distruggere le conquiste faticosamente raggiunte finora. Di fronte all’instabilità globale e alle tensioni economiche, sembra che la sola risposta possibile sia chiudere i confini e ricorrere al nazionalismo (populismi e gli stati sovranisti, per intenderci).

Per far prevalere ancora l’idea di Occidente in circostanze come queste (per conservarla, diremmo noi, e ci sembra gia un programma ‘di minima’) dovremo – spiega Emmott – cercare con maggiore convinzione di tener vivi i suoi valori fondanti e tenere a mente due cose: che senza apertura l’Occidente non può prosperare, e che senza uguaglianza l’Occidente non può durare.

Adesso però i “barbari” sono alle porte. Questo, che è pure il titolo dell’ultimo capitolo dell’interessante libro di Emmott (la sua postfazione da sola vale il prezzo del volume), ci mette davanti a un quesito epocale: è salvabile il destino dell’Occidente? Visto che in Europa, culla storica della nostra civiltà, gli attacchi terroristici recenti sono stati portati da musulmani “europei” di seconda/terza generazione, ha ancora senso aprire ai “barbari” proponendo loro il nostro modello occidentale, e così difenderci dal declino? Già mezzo secolo fa, ad analoga interrogazione così rispondeva il mio professore di scienze politiche: la democrazia si difende con più democrazia, non con meno.

Domanda: vale anche nei confronti di chi senza rivendicare libertà prosperità possibilità casomai negategli, ti sgozza in nome del suo dio?

Ecco, il punto è proprio (solo) questo, direi. Tutto il resto è conseguenza

Articolo precedenteMACRON IN MARCIA
Articolo successivoI CROCERISTI FAN SCALO A TORINO