LA VASTA PRODUZIONE ARTISTICA DI MARIO RUSSO E’ ONLINE

319

Catturare lo spirito di un artista poliedrico e multiforme come Mario Russo è, al contempo, impresa complessa e stimolante. Da qui l’idea di catalogare la sua immensa produzione artistica creando – quale primo step di un più ampio percorso – uno spazio online che non è solo un sito e non è solo un archivio.

E’ un luogo di riflessione, confronto e progettazione, ma soprattutto è il risultato di un minuzioso e accuratissimo lavoro di catalogazione di più di 1000 opere dell’artista, a cura della figlia Mariella, con il sostegno e l’incoraggiamento silenzioso ma determinato della madre Antonietta, moglie dell’artista e il supporto di due abili professionisti: Luca Motto, attuale curatore della Civica Galleria d’Arte Contemporanea Filippo Scroppo di Torre Pellice ed Emanuele De Donno, webmaster.

Per più di cinquant’anni, Mario Russo, si è mosso sulla linea dell’avanguardia. Dal dopoguerra agli anni Duemila, ha trovato espressione tra linguaggi figurativi e astratti, attraverso la sperimentazione di tecniche e materiali artistici tra i più diversi e multiformi, usando spesso anche metodiche del tutto innovative. Oltre ai pigmenti pittorici per le sue tele, anche l’acciaio, il vetro e soprattutto le materie plastiche per la realizzazione dei Cosmocorpi, membrane aeriformi vibratili simili a embrioni, esposte per la prima volta a Torino nel 1969, negli spazi della  Galleria Franzp e tre anni dopo, nel 1972 alla Galleria LP220.

Scriveva l’artista: “Ho cercato di scavare fino all’impossibile, di andare all’origine, ai primordi”. Proprio questa sua sensibilità e poliedrica espressività, consentono a tutti – anche ai non addetti ai lavori – di immergersi nelle suggestioni di colori e forme che, di volta in volta, egli sapientemente usa per creare fluidi movimenti quasi ancestrali o geometriche staticità, sinuosità di intrecci corporei o visionari paesaggi interiori.

Ne sono un esempio, oltre ai Cosmocorpi, anche le Alternanze, che l’hanno visto confrontarsi, negli anni Settanta con l’esplorazione di ricerche minimaliste nonché le Levitazioni/Compenetrazioni simmetriche degli anni Ottanta, giusto per citarne un paio.

L’intento che anima coloro che si sono dedicati e si stanno tuttora dedicando al progetto (io ho contribuito solo in parte con alcuni testi per il sito e alcuni articoli) è quello di aver creato uno spazio tutt’altro che statico e definitivo. Qui le opere, intrecciandosi con il pensiero e la vita dell’artista, divengono spunto per ulteriori confronti, approfondimenti e progetti, in una sorta di evoluzione e work in progress continui.

Il sito, che è stato appunto realizzato da Emanuele De Donno, ha ottenuto una nomination al Digital Design Award, il primo premio italiano che promuove l’eccellenza creativa italiana nel design per il mondo digitale.

Articolo precedenteI NUMERI DELL’IMPATTO DELLA PANDEMIA SUL TURISMO MONDIALE
Articolo successivoANZIANI, NONNI DI TUTTI