#SAPEVATELO…GOLPE

447

GOLPE

La parola spagnola golpe, colpo, viene generalmente usata per indicare un “colpo di stato”, attività in cui storicamente si sono distinti più che altro i popoli latini, di qua e di là dell’Atlantico. Quelli sudamericani sopra tutto. Consiste nel rovesciamento delle istituzioni in maniera illegale, palese, spesso violenta da parte di uno o più soggetti (popolo, élites nazionali) — con l’appoggio di corpi dello Stato, per esempio le forze armate — per provocare un cambio di regime, sovente trasformandolo in dittatura. Proviene dal francese coup d’état ; in portoghese o spagnolo cambia in golpe, diventa Putsch in tedesco. E pure in inglese. I golpe spesso hanno creato personaggi “famosi”: Duvalier ad Haiti, Perón in Argentina, Castelo Branco in Brasile, Castro e Che Guevara a Cuba, Allende e Pinochet in Cile. In Europa Salazar in Portogallo, Franco in Spagna. Memorabili furono in Francia il tentativo del 21 aprile 1961 contro il presidente De Gaulle, del generale Salan e colleghi, contrari all’indipendenza dell’Algeria; in Italia, i tentativi di golpe – abortiti – “piano Solo” (1964) e “golpe Borghese” (1974). La prova più recente di golpe, tentata da una parte delle forze armate turche, è del 15 luglio 2016. Obiettivo: rovesciare il presidente Recep Tayyip Erdoğan e prendere il potere nel Paese.

Alzamiento

Letteralmente: innalzamento, sollevazione, insurrezione. Alzamiento nacional e non golpe, come i capi della sollevazione armata, i golpisti generali Emilio Mola e Francisco Franco detto il Caudillo definirono la guerra civile tra il luglio 1936 e l’aprile 1939 fra i nazionalisti  (nacionales), autori del colpo di Stato ai danni della Seconda Repubblica Spagnola, e i repubblicani (republicanos), truppe fedeli al governo repubblicano guidato dal Fronte Popolare, di ispirazione marxista.

Caudillo

Pronuncia ‘caudì-glio’: parola spagnola. Dal latino ‘capitellum’, diminutivo di caput “testa”. Si usa per indicare un leader politico-militare a capo di un regime autoritario. Equivale all’italiano Duce e al tedesco Führer.

 

Articolo precedenteARTIGIANI, VIGNAIOLI E ARTISTI INDIPENDENTI IN FESTIVAL
Articolo successivoA PASSO DI STORIA LUNGO LA VIA EMILIA